Southampton Chelsea 0-3: Sarri non valorizza Gabbiadini

Gabbiadini proprio non riesce a farsi rimpiangere dal suo ex allenatore. Manolo si è visto poco, un tiro che non impensierisce Kepa e nulla più. Eppure il Southampton si è reso pericoloso in più di un’occasione, chiamando Kepa a salvare la sua porta con due interventi spettacolari.

Gli highlights del match

L’inizio della gara sembra il solito copione della squadra di Sarri contro un avversario che difende basso. Il Chelsea non riesce a muovere la palla con rapidità e non crea occasioni pericolose. Lo spartiacque della gara è l’errore della difesa del Southampton che perde palla e ci pensa il solito Hazard, freddissimo sotto porta, a portare avanti i blues. Il Primo tempo si chiude sull’ 1-0. Il secondo gol arriva su schema da calcio piazzato. Willian calcia largo su Giroud che in acrobazia mette al centro per l’inserimento di Barkley (preferito a Kovacic) che realizza il 2-0.

Sarri dà spazio a Morata che trova il tempo di sbagliare un gol dei suoi, tutto solo davanti alla porta. Ma la giornata si chiude in trionfo quando, un’azione ad un tocco libera Hazard che mette nello spazio per l’inserimento di Morata che stavolta non sbaglia e realizza il gol del tre a zero. La regola di Henry vale come in Europa League: se Morata tocca la palla più di due volte prima di calciare, non segna!

Sarri non valorizza Gabbiadini, anche quando ci gioca contro! Manolo sul suo ex allenatore ha dichiarato

“Non ho nulla contro di lui. Non mi piaceva solo la scarsa considerazione che aveva delle riserve, ma sul campo è davvero eccezionale”.

Per lui 5 presenze e zero gol in Premier quest’anno. Ma anche oltremanica Manolo addita i suoi insuccessi agli allenatori

Non so perché non gioco. La mia situazione è cambiata quando Puel fu esonerato e al suo posto arrivò Pellegrino. Tornai dalla partita con la Svezia e mi mise in panchina perché – parole sue – mi vedeva triste. Una scusa, ovviamente. Ma poi con Hughes la situazione non è cambiata. Non sono mai andato a chiedere spiegazioni, tanto avrei avuto risposte scontate. Continuo ad allenarmi e quando serve io ci sono. Come a Swansea: entrai nel finale e segnai il gol della salvezza”.

L’attaccante lo scorso anno ha realizzato 5 gol in 28 presenze, tra cui il gol decisivo per la salvezza del Southampton. Manolo ha scelto comunque di restare in Inghilterra. Il suo allenatore ad inizio stagione aveva dichiarato

Confidiamo nel suo miglioramento. Non è un ragazzo molto comunicativo, non urla quando forse dovrebbe farsi sentire quando vuole far capire ai compagni che vuole la palla in quel preciso momento.” […] “Forse a volte siamo noi colpevoli di non servirlo come vuole ma in altre occasioni lui sa di poter fare bene e non deve lasciarsi scappare le occasioni che gli vengono concesse”.

Partito dal primo minuto contro il Chelsea, ha offerto una prestazione impalpabile. Un’altra occasione persa aspettando che accada qualcosa…